Versamenti sospesi entro il 16 settembre la prima rata. Ecco come pagare fino a 28 rate

Il 16 settembre scade il termine per la ripresa dei versamenti delle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, delle trattenute relative all’addizionale regionale e comunale, dei contributi previdenziali ed assistenziali, dei premi Inail nonché dell’imposta sul valore aggiunto sospesi a causa dell’emergenza COVID.

Versamenti prorogati: https://unicomstp.it/2020/04/10/emergenza-coronavirus-ulteriori-proroghe-dei-termini-per-i-versamenti-fiscali-e-contributivi/

La scadenza dei pagamenti prorogati inizialmente fissata al 30 giugno è stata successivamente posticipata al 16 settembre dal decreto di agosto (D.L. 104/2020).

I versamenti sospesi, senza sanzioni ed interessi possono essere effettuati con le seguenti modalità:

  1. per intero, entro il 16 settembre 2020;
  2. in un massimo di 4 rate mensili di pari importo a partire dal 16 settembre 2020;
  3. Oppure:
    • per un importo pari al 50% in unica soluzione entro il 16 settembre 2020 o mediante rateazione, fino a un massimo di 4 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 settembre 2020;
    • per il restante 50% in una o più rate mensili, fino a un massimo di 24 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata, entro il 16 gennaio 2021 (che slitta a lunedì 18 gennaio 2021).

Versamenti dei contributi Inps artigiani e commercianti scadenti il 18/5 non versati

Domanda di sospensione

Chi ha goduto della sospensione deve presentare apposita istanza avvalendosi della procedura disponibile nel sito internet dell’INPS al seguente percorso:

“Prestazioni e servizi” > “Tutti i servizi” > “Rateizzazione contributi sospesi emergenza epidemiologica COVID-19”,
Nell’istanza dovrà essere indicata il codice fiscale dell’impresa e la sussistenza dei requisiti per poter fruire della sospensione contributiva (diminuzione del fatturato o dei corrispettivi).

La presentazione dell’istanza di sospensione vale anche come domanda di rateizzazione.

Sul sito dell’Inps è possibile scaricare i codici per il versamento (scelta consigliabile).

Sono comunque utilizzabili i vecchi codici.

Esempi:

N.B le rate possono anche essere inferiori a 4 o 24.

Importo sospeso 10.000,00

Modalità di pagamento
Modalità 1 Modalità 2 Modalità 3.1 Modalità 3.2 Con meno rate
16/09/2020 10000,00 2500,00 5000,00 1250,00 2500,00
16/10/2020 2500,00 1250,00 2500,00
16/11/2020 2500,00 1250,00
16/12/2020 2500,00 1250,00
16/01/2021 208,33 208,33 500,00
16/02/2021 208,33 208,33 500,00
16/03/2021 208,33 208,33 500,00
16/04/2021 208,33 208,33 500,00
16/05/2021 208,33 208,33 500,00
16/06/2021 208,33 208,33 500,00
16/07/2021 208,33 208,33 500,00
16/08/2021 208,33 208,33 500,00
16/09/2021 208,33 208,33 500,00
16/10/2021 208,33 208,33 500,00
16/11/2021 208,33 208,33
16/12/2021 208,33 208,33
16/01/2022 208,33 208,33
16/02/2022 208,33 208,33
16/03/2022 208,33 208,33
16/04/2022 208,33 208,33
16/05/2022 208,33 208,33
16/06/2022 208,33 208,33
16/07/2022 208,33 208,33
16/08/2022 208,33 208,33
16/9/20022 208,33 208,33
17/08/2022 208,33 208,33
16/9/20023 208,33 208,33
18/08/2022 208,33 208,33
Totale 10000,00 10000,00 10000,00 10000,00 10000,00
0 Condivisioni